• Nimble

Perché è importante un audit aziendale in merito alla sicurezza sul lavoro

Aggiornamento: 27 apr

La sicurezza sul lavoro è spesso un argomento sulla bocca di molte persone, soprattutto su quella dei datori di lavoro. Ma qual è l’importanza di un audit sulla sicurezza e quali risultati può avere?



Tutti i giorni sui giornali si legge di quanto le imprese abbiano difficoltà a trovare risorse, soprattutto se specializzate, ma anche dell’importanza di queste risorse, che gli imprenditori sottolineano nelle occasioni pubbliche. D'altro canto, però, le cronache ripotano uno scenario ben diverso, dove la prevenzione degli infortuni e la sicurezza dei lavoratori viene spesso trascurata.


Stando ai dati pubblicati dall’Inail, le denunce di infortunio presentate nel gennaio 2022 sono state 57.583, con un aumento del 47% rispetto allo stesso mese del 2021.



Il Testo unico per la sicurezza sul lavoro (legge 81/2008)


Sia che si tratti di un operaio in cantiere o di un avvocato in Tribunale, di un cuoco in cucina o di un commercialista nel suo Studio professionale, la legge 81/2008 (cd. Testo unico sulla sicurezza) riguarda e regola la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori sui luoghi di lavoro. Il Testo unico non detta esclusivamente norme di tipo generale, ma spesso scende davvero nello specifico stabilendo quali criteri o mezzi debbano essere usati in determinate situazioni, la dotazione minima di protezione dei lavoratori e alcune caratteristiche imprescindibili sui luoghi di lavoro.


Tutto questo serve sia al datore di lavoro per avere un minor rischio di incidenti, ma soprattutto ai lavoratori che, in tal modo, dovrebbero sentirsi più sicuri nello svolgere il proprio compito.



Audit sicurezza sul lavoro: il sistema di gestione della sicurezza sul lavoro


Indipendentemente dal settore di competenza, tutte le organizzazioni sono interessate dal Testo unico di cui sopra, con ovvie differenze in base all’attività svolta, ma in ogni caso tutte dovranno adottare un sistema di gestione della sicurezza sul lavoro (o SGSL), il quale ha scopi ben definiti, tra i quali:

  • Assicurare il rispetto della normativa vigente in tema di sicurezza sul lavoro;

  • Gestire la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro in modo efficiente ed efficace;

  • Pianificare e programmare in modo razionale il miglioramento della sicurezza stessa;

  • Sensibilizzare sul tema della sicurezza sul lavoro i soggetti coinvolti.



Che cos’è l’audit sicurezza sul lavoro


L’audit sulla sicurezza sul lavoro può dirsi trattarsi di una verifica ispettiva, quindi una sorta di esame con il fine di determinare se le attività svolte e i risultati ottenuti sono in accordo con quanto pianificato e, inoltre, se quanto predisposto e pianificato viene effettivamente attuato e se risulta essere idoneo alla singola realtà.


Leggi di più: Il processo di audit: cos’è e come condurlo efficacemente [Modello 231]


Sinteticamente, l’obiettivo principale dell’audit sulla sicurezza è quello di ridurre il rischio di qualsiasi tipo di incidente. Generalmente, nel processo di audit vengono utilizzate check list con lo scopo di garantire che vengano effettivamente controllati tutti i requisiti di tipo normativo, di garantire la massima trasparenza con riguardo ai criteri di valutazione e di rendere possibile una sistemazione dello stato di conformità rispetto ai requisiti.


L’uso di check list deriva dal fatto che, oltre la complicatezza della verifica, in tal modo l’audit avrà una struttura più agile e veloce (quindi senza interferire troppo con l’attività dell’azienda) ma soprattutto per il fatto che le risposte saranno facilmente verificabili permettendo una maggior chiarezza nella consultazione del risultato finale.


È da dire che anche se vi è la presenza di check list, la verifica non deve essere ritenuta una pura formalità, in quanto le domande cui rispondere (in parte) variano in base alla realtà esaminata e, in ogni caso, risultano essere sufficientemente specifiche, è comunque tali da lasciar poco spazio all’immaginazione.


È ovvio che ci siano differenze notevoli in materia di sicurezza tra lavori svolti nei cantieri e lavori svolti negli uffici. Per questo, per stabilire al meglio quali accortezze adottare, è necessario consultare un esperto che possa guidare il professionista e/o l’azienda nell’adozione dei presidi di protezione e nella stesura della documentazione.





I punti a cui adempiere sono tanti, non sempre di facile comprensione. Per questo è cosa buona e giusta affidarsi ai consulenti esperti. Attraverso la presenza costante e il monitoraggio delle attività, il professionista ha la tranquillità che tutti i punti della normativa siano presidiati e che la conformità sia mantenuta nel corso del tempo.

Prenota subito un appuntamento telefonico con i consulenti di Nimble.


3 visualizzazioni0 commenti