• Riccardo Ajassa

La Befana e l'illegittimo trattamento dei dati personali

Ebbene sì, anche anche la Befana tratta illecitamente i dati personali di tutti i bambini a cui porta i dolci. Ma non sarà forse colpa di Babbo Natale?



La Befana vien di notte con le scarpe tutte rotte, con i dati dei bambini per portare i carboncini.

Dopo aver appurato che Babbo Natale gestisce i nostri dati senza averci mai chiesto il consenso, lo step successivo non poteva che essere lei: la Befana. Anche la Befana, in effetti, proprio come San Nicola, vescovo di Myra (volgarmente noto come Santa Claus, o appunto Babbo Natale) possiede i nostri dati, soprattutto quelli dei minori, grazie ai quali decide se portarci doni e dolciumi o se portarci carbone.


Ma come fa ad avere i nostri dati? L'ipotesi più verosimile è che gli stessi dati vengano trasmessi direttamente da Babbo Natale. Il problema è che non avendo dato il nostro consenso al Sig. Natale per il trattamento dei dati, anche la Sig.ra Befana, che pur risiede in Italia (si tratta, in effetti, di una tradizione regionale propria del nostro paese), non potrebbe trattare i nostri dati personali.


In questo caso, lo scenario sarebbe più o meno il seguente: Babbo Natale raccoglie i dati dei bambini, ma poi li trasmette alla Befana (che come tutti sappiamo tutte le feste si porta via), la quale li utilizza per portare dolcezze o carboni ai bambini. Praticamente un'associazione a delinquere, se non fosse che gli scopi sono nobili.


La comunicazione dei dati a soggetti terzi deve essere sempre dichiarata agli interessati, i quali, eventualmente, possono opporsi: ciò non vuol dire che tutte le comunicazioni di dati devono essere oggetto di consenso, in quanto quelle necessarie al corretto trattamento possono essere “obbligatorie”, ma non è questo il caso. Quindi la risposta è sì, anche la Befana tratta illecitamente i dati, difatti se il trattamento è illecito in origine, anche i trattamenti ulteriori, seppur slegati, saranno illegittimi.



Per ovviare a tutti i problemi legati alla protezione dei dati personali e perché Nimble vuole i dolci, nella calza noi lasceremo il consenso al trattamento dei dati. Consiglio vivamente di farlo anche voi, a meno che non vogliate ricevere carbone! E per farlo vi consiglio di contattarci o prenotare un check-up gratuito e saremmo felici di aiutarvi.


P.S. Che la befana si porti via tutte le feste non piace a nessuno, ma almeno i dolci aiutano!


Buona Epifania da Nimble!


10 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti